Permessi di pesca in TWT:
L'ambiente

Il Tevere è un fiume dove scorrono emozioni. Emozioni che si provano, per esempio, nell’osservare una “frega delle trote” e poi trovare i nuovi nati su tutta l’asta del fiume, insieme a quelle più “anziane” di appena un paio di mesi.

Tailwater

La tailwater è uno dei rari posti al mondo dove la situazione dell’ecosistema fluviale è migliorata rispetta al passato, rispetto a trenta anni fa. Da noi non si può dire: “ti ricordi come era bello...”, la tailwater è viva ora, sta crescendo oggi e il successo che ha lo merita tutto.

Primavera e Autunno

Oppure osservare le trote adulte che nel tardo autunno pur di portare a compimento il loro ciclo vitale, tentano, e spesso ci riescono, di risalire “gorga Buia”, per poi andare a depositare le uova nelle calme acque della “nursery”.

La Valtiberina

La Valtiberina è la terra di Piero della Francesca, la valle del Tevere che appare ancora così viva nelle pennellate delle opere dell’artista tra Sansepolcro e Monterchi. Questo legame prosegue nella città di Arezzo, nella chiesa di San Francesco dove, nelle scene della Leggenda della Vera Croce, Piero, orgoglioso della sua terra, la immortala negli sfondi, ne ritrae il paesaggio, le sue peculiarità, facendo rivivere al visitatore intense emozioni.

L'inverno

La neve che circonda le rive della tailwater a febbraio e i pesci in attività che sembrano bollare sul nulla sono le emozioni che fanno vivere un fiume, che nella stagione estiva, regala suggestivi "coupe de soirée".

I Borghi storici

Dolce, a tratti aspra, colori forti, tramonti rossastri, albe rosate, acque che solcano le valli disegnando un paesaggio straordinario. Da qualsiasi strada si giunga la Valtiberina regala scorci suggestivi, borghi murati, Anghiari e Sansepolcro ne sono un esempio perfetto, eremi e abbazie, vie panoramiche. Incuneata tra la Romagna, l’Umbria e le Marche, questa valle è un angolo della Toscana tutto da scoprire. Visitarla è come percorrere secoli di storia, di leggende medievali e sentieri di cultura.