Inquadramento ambientale

La stazione d’indagine è rappresentata dal tratto di Fiume Tevere posto immediatamente a valle della diga di Montedoglio, in comune di Anghiari (AR). Qui il Tevere, interrotto a questo punto dall’imponente opera idraulica, riprende a fatica il suo percorso in un territorio collinare, coperto da boschi di latifoglie e campi.

Alimentato da due rami principali in uscita dallo sbarramento, il primo proveniente dalla centralina idroelettrica, il secondo proveniente dallo sbocco “restituzione” e dallo scarico di superficie e fondo,(vedi schema in Figura 2) il fiume in questo tratto è soggetto a frequenti oscillazioni di portata. Il secondo ramo in occasione di lunghi periodi di siccità può addirittura restare prosciugato.

A valle della confluenza tra i due rami che raccolgono le acque in uscita dalla diga, il Tevere comincia faticosamente a riacquistare il suo aspetto naturale; la presenza di un’opera in cemento di difesa spondale dal profilo verticale interferisce con le capacità autodepurative del fiume, influendo anch’essa sul giudizio IFF riconosciuto a questo tratto (Tabella 5). Il campionamento di macrobenton è stato effettuato nei due rami in uscita dalla diga (stazione 1-A: ramo destro in uscita dalla centralina; stazione 1-B: ramo sinistro in uscita dallo scarico di superficie e fondo e dallo scarico della restituzione/minimo deflusso).


Poiché il ramo sinistro, al momento del campionamento, risultava inondato dopo parecchie settimane di prosciugamento totale, in esso non è stato effettuato il campionamento ittico, che ha invece riguardato il ramo destro, un tratto fluviale di circa 50 m posto a valle della confluenza tra i due rami e una serie di buche (perenni) poste subito a valle degli scarichi di superficie-fondo e di minimo deflusso.

Figura 3 : schema dell’opera idraulica di derivazione di Montedoglio.


Tabella 5 : risultati dell’applicazione dell’Indice di Funzionalità Fluviale per la stazione 1.

Sponda sx

Sponda dx

Valore di IFF:

175

117

Livello di funzionalità:

III

III-IV

Giudizio di funzionalità:

mediocre

Mediocre – scadente

Colore:

Parametri chimico-fisici delle acque

Temperatura (°C):

7,7

pH:

7,25

Ossigeno disciolto (mg/l):

10,83

Ossigeno di saturazione (%):

101,3

Conducibilità (mS/cm):

Qualità biologica delle acque

I risultati dell’applicazione dell’indice IBE fanno rilevare la presenza in questo tratto di una comunità di macroinvertebrati piuttosto scarsa, sia dal punto di vista dell’abbondanza numerica che da quello della diversità intesa come numero di unità sistematiche.

In entrambi i punti di campionamento sui due rami fluviali sono state rilevate 10 unità sistematiche (Tabelle 6 e 8), con gli Efemerotteri come gruppo faunistico più sensibile presente (con una sola U.S.); la classe IBE per entrambi risulta dunque essere la 3°, corrispondente ad un giudizio sintetico di acque inquinate o comunque alterate (Tabelle 7 e 9).

In questo caso l’alterazione può essere correlata in primo luogo alle frequenti escursioni di portata del corso d’acqua in questo tratto.

Tabella 6 : Campione qualitativo di macrobenthos raccolto nella stazione 1-A e classificato per l’applicazione dell’IBE.

GRUPPO FAUNISTICO

FAMIGLIA

GENERE

ABBONDANZA

Efemerotteri

Baetidae

Baetis

Comune

Ephemerellidae

Ephemerella

Scarso

Caenidae

Caenis

Drift

Tricotteri

Rhyacophilidae

Comune

Polycentropodidae

Drift

Hydropsychidae

Raro

Hydroptilidae

Drift

Ditteri1

Chironomidae

Abbondante

Tipulidae

Scarso

Empididae

Scarso

Anthomydae

Scarso

Gasteropodi

Lymnaeidae

Scarso

Oligocheti

Lumbricidae

Scarso

Naididae

Scarso